Ci sono parametri di riferimento che mostrano la differenza tra la virtualizzazione hardware abilitata / disabilitata?

Ho un sub-laptop da 13 pollici / grande netbook, ha un AMD Athlon Neo X2 L335 e ho scelto questo perché support la virtualizzazione hardware.

Alla fine, difficilmente faccio una virtualizzazione su di esso, tuttavia, quando faccio … è veloce.

Al mio shock, sono entrato nel BIOS e ho visto che la virtualizzazione è stata distriggersta!

Ho girato questo e non vedo nessuna differenza di velocità … o alless nessuno che posso dire.

Non ho il tempo di fare un set completo di parametri – e ho eseguito un po 'di software sull'host, quindi non sarebbe scientifico. Ho cercato parecchi posti e non riesco a trovare alcun parametro che mostra la differenza di bit di virtualizzazione abilitata / disabilitata sullo stesso hardware. Qualcuno ha dei benchmark che hanno visto che possono condividere?

Inoltre, so che c'è stato un tumulto da tempo perché Sony distriggers la virtualizzazione hardware su alcuni templates e lo offre solo nei templates più alti come una funzionalità premium, tuttavia, oltre a forzare una vendita superiore, ci sono vantaggi per avere disabilitato per esempio batteria / calore? Non riesco semplicemente a trovare informazioni e non riesco a spiegare perché sarebbe disabilitato per impostazione predefinita.

Modifica —

Per aggiungere, l'unica cosa che posso trovare è che senza di essa, non è ansible eseguire la virtualizzazione x64 in fretta. Questo è l'unico lato positivo che posso trovare. Tuttavia, se questa è l'unica differenza, allora sono ancora interessato alla seconda parte della domanda – perché offrirti l'opzione per distriggersrla?

In realtà c'è una risposta abbastanza buona per "Ci sono parametri di riferimento per le macchine virtuali con e senza VT-x" oltre a Server Fault Anche se la risposta è di circa un anno e mezzo vecchio è ancora ragionevole. dipende "in generale AMD-V e Intel VTx aumentano la stabilità e facilitano lo sviluppo delle macchine virtuali.

Per quanto riguarda l'opzione per distriggersrla. Alcuni processri non supportno la virtualizzazione hardware e alcuni BIOS quando combinati a questi processri non lo denunciano correttamente. La capacità di spegnere in modo specifico la virtualizzazione hardware è un vantaggio in questi casi. Ci sono probabilmente anche alcune preoccupazioni circa la stabilità. È una tecnologia più recente, se si verifica un bug di stabilità o performance, è più facile informare la gente per distriggersre la virtualizzazione nel BIOS, quindi informare tutti di aggiornare il proprio BIOS in una versione che li consente di distriggersrli. Infine, è probabilmente anche lì per i test. È più facile accendere e spegnere le cose nel BIOS quando si prova la scheda madre per la stabilità e le performance con configurazioni casuali diverse da quella di ribuild il BIOS e caricarla per testare con e senza alcuna funzionalità.

La mia esperienza (non ricordo esattamente i numbers)

Windows XP (host) Windows XP (guest)

Ho fatto un benchmark di windows in entrambi (host e guest)

Windows XP (host) CPU 100% Graphics100% Math 100% Disk 100%

Windows XP (Guest VMWARE Virtualization ON): CPU: 80% grafica 80% Math 80% Disk: 120%

Windows XP (VirtualPC Virtualization On): CPU: 70% Graphics 50% Math 75% Disk: 90%

E senza virtualizzazione le performance erano circa la stessa, ma non sono stato in grado di gestire un guest di 64 bit senza virtualizzazione (incluso OSX). Quindi, apparentemente è circa 64 bit. Potrebbe esserci qualche differenza quando si eseguono contemporaneamente più macchine virtuali.

La mia conclusione: la virtualizzazione non modifica le performance, alless non per un utilizzo domestico, ma è un must per 64 bit, VirtualPC non support correttamente l'accelerazione grafica e vmware accelerare il mio disco (per frammentazione?)