Devo deframare un disco SSD?

Posso eseguire la defrag Windows su un'unità SSD ?

Beh credo che la risposta corta è , ho sentito che gli azionamenti SSD richiedono speciali e specifici programmi di deframmentazione su misura.

È vero e, in caso affermativo, where posso ottenerlo?

Dal momento che sembra che ci sia qualche controversia su questo, ho pensato che sarebbe utile fornire una spiegazione dettagliata:

Non dovresti mai deframare un SSD. Non neanche pensarci. Il motivo è che il posizionamento fisico di dati su un SSD è gestito esclusivamente dal firmware del SSD e ciò che riferisce a Windows NON è come i dati sono effettivamente memorizzati sul SSD.

Ciò significa che il posizionamento fisico dei dati che un defragger mostra nel suo grafico a livello di fantasia non ha nulla a che vedere con la realtà. I dati non sono where Windows pensa che sia, e Windows non ha il controllo su where i dati sono effettivamente messi.

Per uniformare l'utilizzo della memory interna, il chip firmware SSD consente di suddividere i dati su tutti i chip di memory SSD e spostare anche i dati su questi chip quando non è impegnato a leggere o scrivere (nel tentativo di equilibrare l'utilizzo del chip .)

Windows non vede mai niente di questo, quindi se fai un defrag, Windows farà semplicemente un integer gruppo di I / O inutili allo SSD e questo non farà altro che ridurre la durata utile del SSD.

Qualcuno (200_success) ha fatto un commento molto più rilevante per la domanda e vale la pena di un dettaglio migliore.

Prima di tutto: HDD significa unità disco rigido, e ha davvero un disco all'interno di esso. Questo disco è diviso in piccoli pezzi, i settori chiamati, where vengono memorizzate le informazioni. Date un'occhiata a questa foto:

Immagine disco

Un settore è indicato dalla lettera C.

Ora, questo settore è molto piccolo: solo 512 byte, in generale. Quindi, per memorizzare un file comune di 10k, devi utilizzare molti settori.

Immaginate che questi settori siano uno dopo l'altro, come la rappresentazione verde, lettera D, nell'image. Quando è necessario leggere il file, la testa del disco rigido sarà posizionata all'inizio del primo settore e li leggerà tutti, mentre il disco è spinnning.

Così dovrebbero funzionare le cose.

Ora potrebbe accadere che il file sia diffuso in molti settori, ognuno in una parte del disco. Che cosa significa questo? Per leggere nuovamente il file, la testa del disco rigido sarà posizionata all'inizio del primo settore, leggerla, quindi dovrà spostarsi all'inizio del secondo settore (ovvero in un altro punto del disco), la leggerà, e così via …

Ci vorrà molto tempo. Stiamo parlando di una mossa fisica della testa. Più si muove la testa, più prende.

Quindi, deframite il disco: il programma tenta di spostare tutti i brani del file in modo che finiscano in sequenza, sia più facile e veloce da leggere, poiché ci sarà less movimento fisico della testa per leggere tutto.

Ok finora? Quindi cominciamo a parlare di SSD: sono un gruppo di chip di memory su una scheda. Quando si salva o legge qualcosa da loro, il chip del controller ha bisogno solo di triggersre alcuni bit e, voilà , il chip corretto viene letto dalla memory. E non import where viene memorizzato, l'azione di accesso a un chip di memory è molto più veloce della mossa fisica dell'HDD. Così, approssimativamente, non avresti notato quel tempo in un file frammentato in un SDD.

E, essendo più dettagliato e corretto, il controller chip distribuirà il tuo file tra molti chip per sfruttare le letture parallele e così via, in modo da sapere come gestire i file in modo che siano sempre memorizzati nel migliore dei modi (ottimizzati sulla velocità e usura di tali chip di memory) che Windows potrebbe sapere.

Lo strumento di deframmentazione incorporato in Windows 8 non deframmenta il tuo SSD, ma invierà un gruppo di comandi di trim al dispositivo. Per ulteriori dettagli su questo, vedere questa domanda . Come ha già notato Roberts, non si vuole deframmentare il tuo SSD affatto.